Info sul libro qui sotto. I giochi e le pillole sono a destra

Cerchi la donna ideale? Clicca sul naso di Barbie!

Cerchi la donna ideale? Clicca sul naso di Barbie!

L’officina della parola
di Stefano Brugnolo
e Giulio Mozzi
a cura di Paola Borgonovo

La notizia: forme, fatti, commenti e storie
La scrittura argomentativa: procedimenti, strumenti, tipologie
La scrittura narrativa: invenzione, tecniche e personaggi
La grammatica e la punteggiatura: usi stilistici delle regole e dei registri

Preleva l’indice completo del libro.

L’officina della parola è un manuale di scrittura che insegna divertendo, perché riesce a coniugare sistematicità e leggerezza. La sua ambizione è offrire i fondamenti per la composizione e la scrittura di qualunque tipo di testo in prosa.

Si articola in cinque parti. Le prime tre riguardano le finalità principali dello scrivere: informare, argomentare, narrare. Il percorso muove dal semplice al complesso: si va dalla notizia e dai suoi commenti, fino alle forme del saggio, del romanzo e dei testi narrativi in genere.

Le ultime due parti sono dedicate alle potenzialità stilistiche delle scelte che operiamo scrivendo. Si ragiona dunque di lingua, grammatica e punteggiatura, di stili e registri e, naturalmente, di figure retoriche, nel loro uso letterario e quotidiano.

Il tutto scritto pianamente, e intessuto di esempi d’autore o creati ad hoc, con felice senso dell’umorismo: così da fare di questo non solo un libro utile ma da leggere con piacere.

Codice ISBN: 978-88-518-0132-8.
Pagine: 560.
Prezzo di copertina: € 27,90.
Ordina presso l’editore al prezzo scontato del 10%: € 25,11.

Stefano Brugnolo si occupa di Teoria della letteratura (che insegna presso l’Università di Pisa) e di Letterature comparate. Tra i suoi libri ricordiamo La tradizione dell’umorismo nero (Bulzoni 1994., disponibile anche gratuitamente qui), L’idillio ansioso (Avagliano 2005), dedicato alla narrativa di Salvatore Satta, e il volume Strane coppie. Antagonismo e parodia dell’uomo qualunque (il Mulino 2013).

Giulio Mozzi è autore di sei raccolte di racconti (la più recente, Sono l’ultimo a scendere e altre storie credibili, Mondadori 2009, ed. digitale aumentata Laurana Reloaded 2013) e di due opere in versi (la più recente, Dall’archivio, Aragno 2014). Dal 1993 conduce corsi e laboratori di scritture e narrazione. Ha collaborato con l’Istituto per la ricerca e la sperimentazione educativa della Provincia di Trento (Iprase). Nel 2011 ha fondato a Milano la Bottega di narrazione. Dal 2000 è presente in rete con il “bollettino di letture e scritture” vibrisse.